Ad ognuno il suo percorso.  Stabiliamo l'obiettivo e agiamo

LA NUTRIZIONE

Sono ormai 13 anni che mi dedico con pazienza è professionalità alle problematiche legate ad una errata alimentazione. L'obbiettivo è cercare di elaborare strategie nutrizionali adatte alle esigenze di ogni singolo paziente ed educarlo a mantenere nel tempo i risultati ottenuti.
Parlo di strategie e non di programmi nutrizionali volutamente; una corretta alimentazione non passa soltanto da seguire pedestremente un programma settimanale, molto spesso è qualcosa che implica modificare abitudini alimentari e comportamentali, superare gli ostacoli che impediscono il proseguimento, valutare lo stato della flora batterica intestinale ed eventualmente intervenire.
Occuparmi di una persona che deve migliorare la sindrome metabolica e che non ha mai fatto diete in precedenza è molto diverso che occuparsi di una persona che magari ha problemi di colesterolo, ma ha passato gran parte della vita a dieta senza mai ottenere risultati duraturi.
Una scorretta alimentazione, determinata da diversi fattori, porta inevitabilmente a squilibri organici che si manifestano sotto forma di obesità, ipertensione, ipercolesterolemia e resistenza insulinica, da non sottovalutare cefalee ricorrenti, insonnia, astenia, colon irritabile e disturbi gastroesofagei.
 Sapersi nutrire nel modo corretto vuol dire anche aiutare il nostro intestino e quindi il nostro sistema immunitario, vuol dire stare bene e magari diminuire o evitare di prendere alcuni farmaci. Un esempio eclatante che riscontro ogni volta nei colloqui e che l'80% delle persone ha problemi di bruciore, reflusso, cattiva digestione, stipsi o dissenteria e per anni ha fatto uso di farmaci per alleviare i sintomi, ma non ha fatto mai nulla per capirne la causa. Basta seguire un mese il mio programma e la prima cosa che mi sento dire e che sono spariti reflusso, bruciore e la digestione va molto meglio. Ho fatto qualche magia? Ho dato strani intrugli? Assolutamente no, ho semplicemente ordinato l'alimentazione, in base al vostro stile di vita.
Una corretta alimentazione è inoltre fondamentale per supportare i cambiamenti fisici e ormonali a cui si va incontro con la menopausa, ma anche in gravidanza e allattamento. 
Talvolta però tutto ciò non basta, perchè nonostante la salute migliori ad un certo punto si ricomincia a fare tutto ciò che si faceva prima e ad avere nuovamente gli stessi problemi: in questo caso occorre agire a 360°, che va oltre il seguire il programma nutrizionale. In questo caso bisogna intraprendere un' Educazione Alimentare Consapevole

Se riscontri difficoltà nel cambiare abitudini c'è la possibilità di seguire il percorso di gruppo on-line Cibo e Mente (Mindful Eating)

Mi trovate su: